I bambini prematuri: nasce un blog dedicato a loro

La maturità non arriva a 18 anni, quando puoi firmare le giustificazioni e guidare un auto. La maturità arriva prima, quando si è pronti per nascere.
Si dice che un frutto è buono solo quando è maturo, ma spesso c’è chi non aspetta di essere maturo per staccarsi dall’albero: accade a quei bambini che non aspettano, che non possono aspettare o che sono costretti a non aspettare.
Sono i bambini prematuri e io ne conosco un paio: sani, forti e bellissimi.
La mia gravidanza è durata 38 settimana, perché poi Tommaso è venuto al mondo con un taglio cesareo dato che aveva deciso che la posizione migliore per stare dentro me era quella ad amaca, e così non sarebbe mai uscito!
Mancavano due settimane, ma ormai l’attesa era finita. Ci sono genitori che, inaspettatamente, non devono attendere così a lungo e oggi mi rivolgo a loro, anzi da oggi c’è chi lo farà…

bambini-prematuri prima volta Ogni anno nascono nel mondo 15 milioni di bambini prematuri, oltre un milione non sopravvive e questi numeri sono in aumento. In Italia sono più di 40.000 i neonati che ogni anno necessitano di cure per essere nati troppo presto. L’Organizzazione Mondiale della Sanità richiama l’attenzione della comunità internazionale e invita ad agire concretamente per prevenire e ridurre il fenomeno.

Domani, 17 novembre, è la Giornata Mondiale della Prematurità e oggi nasce Per Primi, un blog studiato e creato da chi conosce bene la questione e sa che i genitori di bambini nati prematuri hanno bisogno di informazioni, di condividere esperienze e di non sentirsi “diversi” da chi porta a termine le famose 40 settimane di gravidanza.

Raffaella Cappello, mamma di due bambine premature, è la fondatrice di Per Primi e vuole fornire informazioni e dettagli utili a tutti coloro i quali vivono per la prima volta questa esperienza: la descrizione del reparto di terapia intensiva neonatale, gli aspetti della vita di neogenitori alla luce delle esigenze di un bambino prematuro, fatti di cronaca che hanno come protagonisti i bambini prematuri, le loro famiglie, le strutture e il personale che se ne prende cura.

Perprimi.it non ha pretese di essere un sito medico-scientifico, ma vuole divulgare informazioni sulle cause della prematurità, sulle sue possibili conseguenze, sui rischi e le eventuali complicazioni legate all’immaturità del neonato.

Per primi lo trovate anche su Facebook e Twitter

3 Replies to “I bambini prematuri: nasce un blog dedicato a loro”

  1. mia figlia è nata alla 27esssima settimana alla clinica Mangiagalli a Milano. Pesava 1 kg ed è stata nel reparto di neonatologia quasi 3 mesi. Ora ha 23 anni è bellissima, sanissima, intelligente. Sono stati mesi difficili, ma affrontati con coraggio e ottimismo. E’ indispensabile che i genitori (in particolare la mamma) tengano un ateggiamento positivo. Questo è il mio consiglio

  2. mio figlio e’ nato alla 32esima settimana a Viterbo, pesata 2,060 Kg era grandissimo per il suo periodo…. aveva i piedi e le orecchie grandi ma era BELLISSIMO! Ora ha 11 anni e’ il piu’ bello bravo e intelligente bambino che io conosca. Auguri a tutte i genitori. E’ difficile e molto ma ci riuscirete, PAROLA DI MAMMA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.