Le polpette al vino bianco

L’elogio della polpetta è il titolo che darei a un libro sulle polpette, se mai mi venisse voglia di scrivere uno. Questo secondo piatto, visto spesso come un rifugio di avanzi culinari, è in realtà una delizia che vanta anni di storia e nella sua semplicità è uno dei cibi che più amo.

Di libri sulle polpette ne sono stati scritti diversi, vi consiglio “Il riposo della polpetta“, ma anche “Una polpetta ci salverà” e, infine, “Polpette che passione” del giudice di Masterchef Bruno Barbieri.

Le mie polpette, quelle che trovate oggi e la cui ricetta appare anche in “Comfort foodie“, sono solo una delle tante varianti che mi capita di preparare con più frequenza, ma sono anche le più buone e semplici.

Piacciono a grandi e piccini, questo è certo, e il loro bello è che si possono realizzare anche in anticipo.

Queste sono le polpette che partono da zero, ovvero cotte per essere polpetta, a differenza dei mondeghili che nascono bollito e si trasformano, con avanzi di lusso, in polpettine deliziose e molto fritte.

Io amo prepararle quando ho amici a pranzo o a cena perché mi danno l’idea di famiglia e di coccola che non ti aspetti. Ho come l’impressione che le polpette sia quel cibo che scatena dei ricordi infantili anche a coloro i quali magari nessuno in realtà preparava le polpette. Intendo dire che ci sono mamme o nonne che le fanno da sempre e altre che non le hanno mai preparate, ma chissà perché ognuno di noi quando vede le polpette in tavola esclama “Oooh, le polpette, quanto tempo!“.

Per cui voi preparatele perché il successo è pressoché garantito.

Le polpette al vino bianco
Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 6
Ingredients
  • 600 g di carne macinata scelta mista vitello e manzo
  • 100 g di parmigiano
  • un mazzetto di rosmarino
  • 1 uova
  • 3 cucchiai di latte
  • sale e pepe q.b.
  • burro
  • farina
  • mezzo bicchiere di vino bianco
Instructions
  1. Mischiate tutti gli ingredienti e impastateli dolcemente, come se si trattasse della pasta per fare il pane.
  2. Lasciate poi riposare per circa mezz’ora in frigo e poi con la punta delle dita prelevate la giusta quantità d’impasto e create, ruotandole tra le mani umide, le polpettine che passerete poi nella farina.
  3. Fate sciogliere un paio di noci di burro in una padella ampia e poi sistematevi le polpettine.
  4. Fate cuocere a fuoco medio, girandole di tanto in tanto, quando sono ben rosolate versatevi il vino, fate evaporare l’alcool e continuate la cottura per circa un quarto d’ora. Una volta cotte trasferitele in un vassoio.
  5. Aggiungete qualche cucchiaio di panna al fondo di cottura e un’altra piccola noce di burro e lasciate rapprendere velocemente la salsa che servirete con le polpette.

 Le foto delle polpette al vino sono, come tutte quelle nel mio libro, di Bianca Puleo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.