Svezzamento: è il bambino il primo a chiedervi la pappa.

Ci siamo: allo scoccare dei quattro mesi e mezzo Coso ci ha dato chiari segnali di essersi rotto le scatole di prendere solo il latte.
Come l’abbiamo capito?

1. Ci guardava con molta invidia mangiare un piatto di spaghetti alla carbonara (bello de mamma!).
2. Se, mentre lo tenevo in braccio, riusciva ad intercettare qualcosa di commestibile cercava di portarla a sè. Vedi la mia brioche mattutina, uff!
3. Nel tentativo di avvicinargli un cucchiaino per gioco la reazione è stata famelica e perfettamente conscia: cucchiaino verso la bocca= si mangia!
4. Quando afferrava il mio dito non provava più a succhiarlo, ma lo mordeva.
5. E – sopratutto – il mio latte non gli basta più.

Ho scritto immediatamente alla pediatra che – come indicato dall’OMG – fino a quel momento mi aveva consigliato di proseguire l’allattamento, almeno fino al sesto mese, ma avendole spiegato la situazione, con tanto di video in allegato, mi ha subito dato un appuntamento.
Se le mie ragioni non le fossero bastate avevo già addestrato Coso a fare la faccia del “Io bambino affamato. Datemi la frutta.”, ma non è servita: abbiamo avuto immediatamente il nulla osta a procedere con la merenda.E così ieri siamo tornati a casa con un foglio con sù scritte le prime indicazioni e una busta piena di pappe alla frutta, biologiche e senza zucchero; creme di riso, di mais e di tapioca (che poi io manco so cosa sia ‘sta tapioca); liofilizzati di carne; omogeneizzati alla frutta; e, infine, una ventina di barattolini per la conservazione dei cibi, neanche avessi dovuto mettere in piedi un catering per neonati.
Non fatevi partire l’embolo del InizioLoSvezzamentoOlè!, aspettate e prendete solo il necessario: un cucchiaino in silicone, frutta fresca, una grattugia e un piattino.
La grattugia l’avevo, ma per cominciare ho preferito usare una merenda pronta a base di mela e pera, per comodità e per vedere le sue reazioni.
Alle cinque in punto ho sistemato Coso sulla sbraietta, l’ho “imbavagliato” e ho cominciato a imboccarlo: un successo. Il Convivente riprendeva, la madredilui incoraggiava il nipote e mammaepapà ci seguivano via Skype, altro che Truman Show.
Cinque cucchiaini pieni, un bavaglino da lavare, nessuno sputo.
E quel che avanza nel barattolo? O lo mangia lui entro 12 ore o lo mangiate voi. Io ho optato per la seconda soluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.