Togliere il pannolino. Primi tentativi

Mettiamola così, per ora non ho letto nulla sullo “spannolinamento” del bambino: quello che faccio è frutto dell’istinto e di qualche consiglio ricevuto dalle amiche mamme e dalle giàmamme che conosco.

Ma partiamo dal principio.
Mia madre dice di avermi tolto il pannolino nell’estate del mio primo anno: sono nata in aprile, per cui avevo poco meno di 18 mesi. Una bimba da record, a quanto sento dire in giro. A quanto pare il nido in cui andai non prendeva i bambini con il pannolino, per cui mia madre si armò di pazienza, mi portò al mare e – oplà! – levò quel che c’era da levare.La madre dell’UdR, idem: bambini spannolinati nel giro della prima estate, complice il campeggio e il mare per tre lunghi mesi.
Ora tocca a me, o meglio a Tommaso, e vorrei tornare a settembre senza che lui debba più mettere quell’armatura plasticosa. La maggior parte delle mamme, quelle di oggi, mi dicono che è un po’ presto, ma io ho fiducia in quel piccoletto.

Passaggi e cose capite fino a oggi…
Vasino. Ho comprato il vasino già da diversi mesi: sta lì, in bagno, lui l’ha visto, lo conosce, ogni tanto lo sposta e per la legge detta “la fortuna del principiante” la prima volta che ce l’ho seduto sopra, aveva meno di un anno, ha fatto cacca e pipì. La cosa non si è più ripetuta.
Pazienza: è il capitolo più arduo. La pazienza ovviamente è quella della madre, che deve avere voglia e tempo di portare ad ogni minima avvisaglia il bambino in bagno. Fino ad oggi quella pazienza non l’ho avuta, ma mi sto organizzando.
Linguaggio. Tom non dice né cacca né pipì, per cui la faccenda si complica. Molte madri sostengono che fino a che non lo dicono sia inutile provare.
Vasino vs Riduttore. Una giàmamma di tre bambine, di cui due gemelle, mi ha detto che lei ha deciso di fare tutto con il riduttore, per saltare un passaggio: in effetti, arriva un punto in cui dal vasino Tom dovrà per forza passare al WC, meglio dirglielo subito.
Non perderlo di vista. La cosa migliore per levare il pannolino è denudare il bambino, ma questo implica che i bisogni, fino a che la faccenda non gli è chiara, li farà ovunque. Non è tanto il dover pulire, quanto l’attenzione che non pesti nulla: potrebbe scivolare o portare ovunque i residui. Due regole: attenzione e, a meno che non siate al mare, delimitazione dell’area nudisti.

Il nido è finito e la mattina ho più tempo per star dietro alle questioni pratiche di Tom: facciamo colazione con calma, beviamo il nostro latte e poi entriamo in bagno.
Questa mattina, dopo trenta minuti, Tom l’ha fatta nel WC, sul suo bel riduttore, tenendomi stretta.
Sono partita con applausi, balletti e urla (manco fossi allo stadio) e lui sembrava molto felice, poi l’ho aiutato a schiacciare il bottone e “Ciao, ciao Cacca”. Ora chissà come si fa a proseguire?

Dubbi della prima volta: ma voi quando avete cominciato? È troppo presto? Come avete fatto? E soprattutto: quale tecnica avete usato?

A breve nuovi aggiornamenti.

(Foto credits: Manish Bansal)

12 Replies to “Togliere il pannolino. Primi tentativi”

  1. Ho letto di un metodo chiamato EC (Elimination Communication) che permette di abbandonare il pannolino a pochi mesi in modo molto naturale, osservando e assecondando le abitudini del bimbo nel fare pipì. Non l’ho mai messo in pratica ma mi sarebbe piaciuto almeno provare (per la cronaca: mio figlio ha lasciato il pannolino oltre i 3 anni…).

  2. Mitica Ilaria!!! Io voglio togliere il pannolino a Matteo tra 10 giorni (avrà 20 mesi e noi saremo dai miei, con piscina e parco condominiale a disposizione e, soprattutto, mia mamma che mi aiuta con le lavatrici!) e tutti mi guardano con lo sguardo: “povera pazza ma che pensi di fare è troppo piccolo e piscione per levargli il pannolino!” M’hanno fatto quasi desistere! Poi mi sono detta: Matteo fa già cacca sul vasino, perchè è molto regolare (tutte le mattine dopo il latte! Beato lui!) e poi si capisce quando gli scappa. Ultimamente abbiamo intercettato anche qualche pipi: mio marito capisce sempre quando gli scappa, io 50 e 50. Eppoi lui ora la trattiene e si accorge quando la fa (si mette a ridere!). Non so se andrà bene il tentativo, ma chi non risica non rosica!
    Per i lresto: matteo usa il riduttore: lo trovo molto più comodo e poi lui si sente grande e gli piace (vuole il fumetto da sfogliare: giuro!!!). Anche se non dice cacca e pippi credo che troverà lui il modo di farmi capire che quel segnale è “mi scappa”. Starà a me capire qual è: sarà la cosa più difficile!

    1. Il fumetto? Fantastico! Ma come fai a farlo rimanere seduto? Il mio dopo un secondo dice “No!” e vuole scendere, per poi farla – è capitato – sul pavimento del bagno dopo un secondo. 🙁

  3. Ehilà….ciaoooo!!
    Allora io ho tolto il pannolino a Niccolò un pò più tardi di quello che tu hai in mente, 1 anno e 1/2 mi sembrava ancora piccolo e in più avevo sentito di persone che lo avevano tolto ai figli molto presto, ma che poi successivamente c’era stata una regressione e allora ho deciso di aspettare. Come sai lui è nato a dicembre e siccome togliere il pannolino è un’operazione che si consiglia di fare in primavera/estate, ho aspettato l’estate successiva, quando aveva 2 anni e qualche mese…..ricordo mi decisi coi primi caldi, era maggio. Sono stata fortunata, credo, penso sia anche fortuna il “come va” questa cosa, so di persone che i primi tempi cambiano i bimbi 1000 volte al giorno, pipì ovunque, per non parlare del resto, io no, l’ho tolto e lui ha imparato, considera che ormai a quell’età Niccolò parlava perfettamente, e questo secondo me, aiuta. Per farla breve, incidenti praticamente nessuno, forse un paio di volte, ma poi è sempre andata alla grande. Mi diceva quando gli scappava e andavamo, è chiaro che glielo chiedevo anche abbastanza spesso. Per la notte, ho aspettato quasi 1 anno in più, ma questo è un altro discorso (anche se c’è chi li toglie insieme giorno e notte!)
    Se te la senti prova, come si dice “tentar non nuoce”, altrimenti rimanderai un pò!
    Bacioni

    1. Ma che bello! Lettori e lettrici, mia cugina (una delle due). Niccolò è splendido e simpaticissimo, ma neanche io avevo mai chiesto a mia cugina come avesse fatto. Grazie Sara!

  4. ah dimenticavo….il vasino l’ha usato pochissimo, per non dire niente, il riduttore è stato fondamentale!!!

  5. ciao! io ho spannolinato chicco alla fine dell’estate scorsa. aveva già compiuto 2 anni. e a dire la verità il pannolino gli dava fastidio ormai. quindi il primo fine settimana di settembre ho levato tutto. sono stati 15 giorni di pipì a terra. cacca stranamente no. ho proceduto per gradi. quando alla fine aveva capito il meccanismo del vasino ho tolto anche il pannolino della notte. non so se sono stata aiutata dall’alto, ma di sicuro una grossa mano me l’ha data la pazienza che non credevo di averne sul serio così tanta a disposizione. cmq io mi ricordavo di posizionarlo sul vasino a orari strategici e poi aspettavamo insieme il momento. anche con piccoli trucchi. sapessi quante volte abbiamo visto cars, ormai lo conosco a menadito! adesso il vasino sta per essere abbandonato per il wc dei grandi! evvai!

  6. guardo la gente intorno a me, nessuno ha il pannolino, e mi dico: sì, ce la farò anch’io a toglierlo a mai figlia!
    Grazie Ilaria per i consigli e, soprattutto, per il brio e la gioiosa serenità che sai trasmettere anche rispetto alle cose più difficili e noiose…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.